sabato 15 settembre 2007

CON MARIA AI PIEDI DELLA CROCE

Un caro saluto a te che leggi quanto scrivo!

Stamattina con tutta la Chiesa ricordiamo la Vergine Maria Addolorata.
Il Vangelo che l' Evangelista Giovanni (vedi Gv 19, 25-27) riporta alla nostra meditazione, è la scena del Calvario, dove ai piedi di Gesù crocifisso abbiamo la Madre sua non solo come spettatrice, ma come protagonista. Maria segue Gesù sul Calvario come vera discepola: ha preso la sua croce per seguire il Figlio. Nella memoria liturgica odierna, nella Parola del giorno si presenta a noi la Madre addolorata che completa l'esperienza umana di Cristo e suggella l'umanità di Cristo in tutti gli aspetti, anche in quelli più dolorosi.
"Stava presso la croce" dice il Vangelo. Maria è lì ed esprime tutta l'angoscia di un amore materno che vede morire suo figlio. Credo che tante mamme hanno potuto vedere i propri figli morire, ma non come Maria, che seguì passo passo il suo Figlio, senza mai staccare lo sguardo da Lui ed ora, ai piedi della croce, contempla il suo Volto. Cosa voglio dire? Guardiamo sempre la Vergine Maria, prendiamola come modello di vita. Anche noi con Lei possiamo contemplare nella nostra situazione il Volto di colui che hanno trafitto. Gesù, a sua volta guarda la madre straziata dal dolore. Egli la vede, possiamo immaginare con che sofferenza vuol stare accanto a Maria e condividerne la sua passione materna.
Forse una delle cose che dobbiamo fare per capire questa scena del dolore, leggere l'intreccio tra l'amore umano e divino. Un aspetto su cui non ci sofferma! Eppure Maria è la donna che ha vissuto la sua passione di madre come condivisione della Passione redentrice del Figlio. In questa stessa Passione, sofferta da Gesù, vi è lo scambio del dolore tra madre e Figlio. Il momento più toccante della Passione di Cristo è proprio in questa intima comunione di madre e Figlio che si apre nell'affidamento di Maria a Giovanni.
In questa forte comunione d'amore tra madre e Figlio, scopriamo una caratteristica particolare al valore ecclesiale dell'affidamento di Maria a Giovanni, il discepolo prediletto. Preghiamo perché, sulla croce noi possiamo affidare tutti i nostri amori perché diventino, nelle sofferenze, fonte di redenzione.
Buona giornata a tutti in compagnia della Vergine Addolorata.
clicca qui per scaricare -> VIA MATRIS

4 commenti:

PDBmaster ha detto...

Hai visto che i commenti funzionano :-)

fra Vincenzo ha detto...

Ciao carissimo, lo so che i commenti funzionano, purtroppo qualcuno ha chiesto di rimetterli e per la loro praticità l'ho fatto, ma la motivazione dell'altra volta rimane ancora valida, perché continuano. ciao e buona domenica

PDBmaster ha detto...

"Purtroppo" [...] "l'ho fatto" :-)
Se ti piacciono li tieni. Se non ti piacciono li togli. Il resto è sofisma.

Sei un personaggio che mi incuriosisce. Non ci riescono in molti. Forse perché assomigli ad un mio carissimo amico, anch'egli sacerdote. Complimenti :-)

fra Vincenzo ha detto...

Ciao. semplicemente ho cercato di rispondere ad una esigenza.

Per tua curiosità, non sono sacerdote, ma un religioso fratello dell'Ordine Carmelitano che da anni mi sono dedicato all'assistenza dei giovani e degli adulti e adesso vivo in un centro di spiritualità, dove continuo l'opera di Dio in rete e quando c'è di bisogno in carne ed ossa. ciao e a presto