lunedì 29 settembre 2008

CON GIOIA E CON AMORE

Un caro saluto a te che leggi quanto scrivo!


Non si allontani dalla tua bocca il libro della legge; meditalo giorno e notte per osservare esattamente quanto vi è prescritto: così porterai a buon fine le tue imprese. (Gs 1,8) Questa è l'antifona di ingresso nella celebrazione di San Girolamo.
La parola di Dio non deve allontanarsi dalla nostra bocca, perchè è aiuto nlle avversità della vita e ci fa comprendere meglio la volontà di Dio. Il Vangelo che ascoltiamo si presenta alle volte con un linguaggio duro, difficile ma semancasse questo rapporto continuo con la Parola è come andare in un paese straniero e non conoscere le nozioni fondamentali della lingua di quel popolo.
Il vangelo che oggi ascoltiamo ci mostra un Gesù deciso ormai di andare a Gerusalemme per compiere la volontà di Dio (vedi Lc 9,51-56). L'avverbio decisamente ci colpisce, nella determinazione che esprime una decisione libera, una scelta precisa. Gesù conosce bene quello che l'aspetta ma va incontro alla sua passione e morte liberamente. Questo atteggiamento va contro la nostra logica umana. Potremmo perfino sentire un po' di ripugnanza o non accettazione di questo modo di agire di Gesù e non sentirci disposti ad imitarlo. Qualunque sia la nostra scelta, la sofferenza arriva nella vita di ciascuno, l'importante che sia una sofferenza costruttiva. Se decidiamo di seguire Gesù portando liberamente il nostro dolore che diventa croce del Signore, la sofferenza diventa accettabile e perfino redentiva per cui collaboriamo alla salvezza dei fratelli e sorelle. Diversamente sarà una sofferenza amara e sterile.
Ognuno di noi è un seme. Gesù ci ha detto che il seme deve morire per portare il suo frutto, dobbiamo perdere la vita per ritrovarla, dobbiamo prendere l'ultimo posto se vogliamo essere davvero liberi in profondità. Facendo come Gesù ha fatto, saremo pieni della sua stessa vita e gioia! Viceversa la nostra vita diventerebbe opprimente, non accettabile, masochista. Invece la nostra vita deve essere un cuore aperto all'amore, ad orizzonti vasti e belli.
Preghiamo perchè possiamo abbracciare la totalità della vita, anche la sofferenza e la morte per amore. Preghiamo così: Aiutami a vivere la mia vita seguendo la tua via con amore e gioia.

Nessun commento: