sabato 11 giugno 2016

XI DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO C)

La misericordia di Dio continua a camminare di città in città e non sempre è accolta come è dovuta, anzi si sconosce del tutto o peggio non ci sfiora nemmeno. E' quanto accade nella casa di Simone il fariseo.
La casa è il luogo della famiglia, del focolare, della festa, della gioia e anche del perdono.
Questa è la domenica del perdono, dove il Signore Gesù non guarda chi ha davanti ma mette solo in evidenza l'amore.
Per farlo occorre raccontare una bella parabola, breve dove vengono evidenziati i presenti e in particolare due personaggi morosi, inadempienti.
Quando qualcosa non va nella nostra vita, nasce l'agitazione, il giudizio: subito pronti a condannare. C'è bisogno di fermarsi per discernere, magari in punta di piedi, perché chiamati a vivere non solo la nostra sofferenza, la nostra storia ma anche quella degli altri.
L'altro qui è una peccatrice, una nota prostituta. Qualcuno l'ha identificata con la Maddalena.
Non è facile perdonare una donna peccatrice, anzi in questa casa non dovrebbe starci perché ci contamineremo. Ma non è così per Gesù.
Egli ci insegna a guardare oltre il nostro naso, a non fermarci sulle apparenze ma a saper guardare con gli occhi di Dio, che è Padre misericordioso.
Per farlo anche noi abbiamo bisogno di entrare in casa. E' la casa del Padre che ci aspetta per abbracciarci e ridonarci dignità, vita, condivisione, l'amore.
A Simone il fariseo di ogni tempo, Gesù dice: ama e dai libertà. La donna è legata al suo peccato finché non verrà sciolta, non verrà data piena dignità. Ma se guardiamo bene, dentro quel peccato ci siamo tutti, perché non stiamo "dietro, presso i piedi di lui, piangendo, a bagnarli di lacrime, ad asciugarli con i capelli, a baciarli a cospargerli di profumo".
Ci fermiamo dietro ai vari doveri ma senza amare, senza profumare o dare il profumo di Gesù.
In questa domenica ci faccia il Signore dono della sua misericordia perché possiamo amare anche nelle piccole cose della vita, per renderla più gioiosa e festante dinanzi a tutti, senza nessuna presunzione ma solo per amore.

Buona Domenica nel Signore a tutti voi!

per i testi della Liturgia clicca qui
per i testi della Lectio divina clicca qui





video a cura di Gaetano Lastilla



Nessun commento: