sabato 23 dicembre 2017

IV DOMENICA DI AVVENTO (ANNO B)

Il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine.

Ed eccoci alla vigilia del Natale, all'ultima tappa del cammino di Avvento. La stella ci ha guidati fin qui illuminando la nostra esistenza, per farci capire se siamo pronti ad accogliere il Veniente, ad accogliere il Figlio di Dio.
Tutta la liturgia della Parola ci mostra il grande sogno di Dio: costruire la sua casa in mezzo a noi, come Dio prepara il nuovo tempio per ciascuno di noi. È la discendenza che dà a Davide; è la casa che da a ciascuno di noi perché possiamo tessere relazioni con Lui.
La Vergine Maria è la prima a tessere relazioni, perché accoglie nel suo grembo il "santo", il Figlio di Dio. Questa è la sua testimonianza seguita a quella del Battista.
Ancora dopo millenni, si rinnova questo progetto di Dio per noi. Sembra che ci sia una sorta di lentezza ad accoglierlo, dovuta alla nostra resistenza. Però Dio vuole stabilire un patto con me, vuole entrare nella mia storia, nella mia vita. Si serve di una giovane ragazza per bussare alla porta del cuore, perché anche possiamo trovare in Dio la nostra casa, la nostra eredità.
Siano allora questi ultimi giorni, tempi per disporci interiormente ad accogliere Dio nella nostra casa.

Buona Domenica nel Signore a tutti voi!


per i testi della liturgia clicca qui
per la lectio divina clicca qui

immagine fonte: http://la-domenica.it/iv-domenica-di-avvento-2017/

Nessun commento: