sabato 2 febbraio 2008

IV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO

Un caro saluto a te che leggi quanto scrivo!




E' la domenica delle Beatitudini! Con questa Magna charta della vita cristiana, ognuno di noi può riscoprirsi chiamato a vivere felice. Forse un po' strana questo modo di essere felici secondo quanto ci narra l'evangelista Matteo (vedi Mt 5,1-12). Il brano delle Beatitudini inizia con la celebre frase: “Beati i poveri in spirito perché di essi è il regno dei cieli”. L’affermazione “beati i poveri in spirito” è oggi spesso fraintesa, o addirittura citata con un risolino di compatimento, come qualcosa da lasciare credere agli ingenui. Ma Gesù non ha mai detto semplicemente: “Beati i poveri in spirito!”; non si è mai sognato di dire una cosa simile. Ha detto: “Beati i poveri in spirito, perché di essi è il regno dei cieli”, che è una cosa ben diversa.
Oggi siamo frastornati da mille cose, siamo parecchio confusi. Leggendo qua e la incontro sempre più persone che sono confuse e che fraintendono. Anche qui si fraintende completamente il pensiero di Gesù e lo si banalizza quando si cita la sua frase a metà. Guai a separare la beatitudine dal suo motivo. Sarebbe come dire: “Se oggi seminate...”; cosa si capisce? Nulla! Ma se si aggiunge: “domani mieterete”, di colpo tutto diventa chiaro. Così, se Gesù avesse detto semplicemente: “Beati i poveri!”, la frase suonerebbe assurda, ma quando aggiunge “perché di essi è il regno dei cieli”, tutto diventa comprensibile.
Allora il nostro sguardo è da puntarlo sulla motivazione, sul Regno dei Cieli . Ma che cosa è il Regno dei Cieli? È la ricchezza che non passa, che i ladri non possono rubare, né la tignola consumare. È la ricchezza che non si deve lasciare ad altri con la morte, ma che si porta con sé. È il “tesoro nascosto” e la “perla preziosa” per avere la quale vale la pena, dice il Vangelo, dare via tutto. Il regno di Dio, in altre parole, è Dio stesso.
Questa è anche la domenica in cui si celebra la giornata della vita preghiamo perché nella società ci sia sempre più rispetto per la dignità della persona e di ogni vita:
- Chiediamo al Signore che tocchi il cuore di tutte le donne che si trovano in difficoltà e stanno per prendere una decisione che Nega la Vita, interrompendo quello che il Signore ha donato, quella Vita che un giorno è chiamata a dare Gloria a Dio.Preghiamo affinchè si riconosca che la vita è sacra ed è nelle sole mani di Dio, perchè formino coscienze che riconoscano l'Aborto come un atto gravissimo contro Dio e gli uomini e perchè sia riconosciuto il valore assoluto della vita dal primo giorno del concepimento all'ultimo giorno del suo decorso naturale.
- Chiediamo al Signore che conceda la pace ai nostri giorni e che illumini i nostri Governanti affinchè si adoperino per costruire una pace duratura, un mondo migliore, dove ci sia la ricerca di un continuo dialogo tra le diverse Culture e dove si riconosca nel volto di qualsiasi fratello il Volto di Cristo che va amato e rispettato.




clicca la stringa ------> BEATI VOI

1 commento:

solopoesie ha detto...

FRA' VINCENZO !!

BUONA DOMENICA

UN SALUTO AFFETTUOSO

A PRESTO ...lINA