domenica 10 gennaio 2010

Lunedì della I settimana del Tempo Ordinario

Un caro saluto a te che leggi quanto scrivo!


Finito il tempo natalizio ne inizia uno nuovo. Dopo che Giovanni viene "arrestato", la parola profetica che annuncia un tempo nuovo è come incatenata. Ebbene, Gesù proprio da questo momento inizia a percorrere le strade della sua terra per annunciare a tutti la "buona notizia" (vedi Mc 1,14-20).
Siamo nel primo capitolo del Vangelo di Marco ed è la prima volta che appare il termine "Vangelo". Ecco, Colui di cui è scritto che è la Parola di Dio fatta carne, il Verbo rivelatore di tutto l'Amore di Dio per l'uomo s'inserisce nella nostra esperienza umana con parole di un'intensità unica.
Nel Vangelo Marco vuole indicare un termine perché la parola di Dio entri concretamente nella nostra vita. Dice: "Il tempo è compiuto". Si rivela in questo suo dire una tale autorevolezza che i cuori ne sono toccati. Ora Egli è venuto, dando così compimento al tempo dell'attesa. Con Lui, e in forza del suo entrare nella storia, il Regno di Dio s'è fatto vicino perché si tratta del mistero del suo stesso Amore che chiede di entrare nella storia, di trasfigurarla. Per-ché ciò avvenga, Gesù esplicita due condizioni: "convertitevi e credete al vangelo". Cioè cambiare mentalità e avere piena fiducia in Gesù.
Come avviene questa conversione? Certamente non in maniera automatica dopo aver letto queste o altre parole, ci si converte perché avvinti, trascinati, convinti, incuriositi, affabulati da questo Gesù che si manifesta nel volto, nel gesto, nel sorriso di un cristiano. E lo si fa subito! Il breve racconto della chiamata dei primi quattro discepoli vuole essere un esempio concreto di conversione; non la conversione proposta a degli specialisti del regno di Dio, ma semplicemente la conversione necessaria per essere cristiani. Il Regno avanza, è presente, ci ammonisce Gesù.
Iniziamo il tempo ordinario con questa semplice verità: Dio passa chiamandoci dove ci troviamo: lavoro, famiglia, scuola, svago... Non abbiamo bisogno di straordinarietà per incontrare Dio, è lui che ci viene incontro.
E' il caso di metterci in strada per un orientamento concreto di cambiamento. Lasciamoci aiutare dallo Spirito di Dio e preghiamo così: Signore, converti il mio cuore al tuo vangelo che è la notizia lieta per eccellenza: Tu sei l'Amore, sei qui nel mistero di ogni giorno e vuoi salvarci.

Nessun commento: