sabato 28 luglio 2012

XVII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO B)

Un caro saluto a te che leggi quanto scrivo!

"Moltiplicare il cibo", espressione interessante in un tempo di crisi dove cerchiamo di risparmiare per poter vivere dignitosamente. Ma non è sempre facile. Però, quello che ci vuole dire l'evangelista Giovanni è tutt'altra cosa.
Intanto possiamo cogliere dalla Liturgia della Parola, che il messaggio di Dio è concentrato sul pane e sul pane di vita (specificherà Giovanni per tutto il cap. 6).
Ritorniamo per un momento su questa parola moltiplicazione. Essa esprime il senso dell'Eucarestia dove continua a perpetuarsi il dono di Gesù, attraverso il "spezzare il pane", che nel Vangelo di oggi, non abbiamo questo gesto, ma attraverso quanto è avanzato si allude a questo gesto di Cristo Gesù.
Spezzare, moltiplicare significa essere dono. Ma nella liturgia non appaiono questi due verbi, anche se in realtà succede questo.
Questo è il senso che raccogliamo dalla parola di vita di questa 17^ Domenica del Tempo Ordinario; questo è il senso che vogliamo dare a quel "moltiplicare", perché è il verbo della compassione. Infatti la dimensione eucaristica non si racchiude in un semplice cibarsi, ma è espressione dell'amore fraterno e non solo tra i cristiani, ma anche dell'amore del Cristo presente sotto il segno del pane.
Ora cosa manca al cristiano per condividere, per vivere la "compassione del pane"? Forse bisogna vedere se all'impasto del pane ha inserito il lievito, cioè quell'ingrediente che fa fermentare tutta la pasta. Quindi per condividere, per vivere la compassione il cristiano deve essere lievito. Miguel Unamuno (1864-1936) diceva: "al mondo il cristiano non fornisce pane, fornisce lievito". 
C'è qui quel richiamo a vivere la vita buona del Vangelo diventando quel lievito buono per una massa assopita e rassegnata.
Ci dia il Signore un cuore capace di condividere. Preghiamo così: "Signore, dona il pane a chi ha fame e accendi nei nostri cuori, talvolta troppo sazi di solo pane, una profonda fame di Te".

Buona Domenica nel Signore a tutti voi!

* per i testi della liturgia CLICCA QUI

Nessun commento: