sabato 15 aprile 2017

DOMENICA DI PASQUA - RISURREZIONE DEL SIGNORE (Anno A)

Cristo è Risorto, è veramente Risorto. Questo è il cuore che esulta nel nuovo giorno di Dio. Eppure ci sta un cuore che corre verso la morte, verso il sepolcro.
Allora è da chiedersi: stiamo celebrando in sincerità la Pasqua del Signore, oppure brancoliamo ancora nel buio?
Ancora più avanti, l'Evangelista ci da la motivazione del nostro brancolare nel buio: "non abbiamo compreso la Scrittura", cioè non abbiamo compreso tutto quello che è scritto di Lui attraverso le pagine della Bibbia, nonostante le varie spiegazioni che abbiamo ricevuto. Però, come la primavera che arriva piano piano e sbocciano quei fiori di cui ne senti il profumo, così anche il Vangelo disvela la fede piano piano, poco alla volta. Rimane solo una voce e un pianto.
E' la voce che ti entra nel cuore mentre è ancora lontano, chiuso. E' la voce che ti entra nel cuore mentre si prepara ad aprirsi alla novità. E' una voce che ti fa esultare e che, ancora una volta, ti fa gridare: "felice colpa!" e non sarà più buio, ma luce che risplende nella notte della vita.
I verbi che accompagnano la novità di vita sono: "vide e credette". Non sono dei verbi facili, ci vuole un cammino, bisogna faticare, bisogna ribaltare la pietra posta nel sepolcro del nostro cuore.
Il cammino, forse, è simile a quello del discepolo amato, ma sicuramente è il cammino dell'amore, perché una vita "al buio", non fa parlare il cuore, non comprende. Però l'amore aiuta il cuore e gli occhi a vedere e credere.
La gioia della Pasqua parte dal cuore, dall'amore e ci fa camminare da conrisorti e non è solo un evento da calendario da ricordare ogni anno.
In questa domenica di Pasqua, anche noi andiamo al sepolcro ma non per piangere, non per continuare a mettere pietre sopra il sepolcro, nonostante le varie ingiustizie, le guerre che invadono le nostre strade, le nostre vite ma per esultare insieme a colui che è Risorto, insieme a Colui che tutto può se il nostro amore è fedele. Egli continua ad amarci nonostante le nostre infedeltà. Allora sì che sarà Pasqua del cuore dove sboccerà, sicuramente, una nuova primavera dello Spirito per dire al Signore della vita: Sono risorto, e sono sempre con te; tu hai posto su di me la tua mano, è stupenda per me la tua saggezza (cfr. Sal 139,18.5-6).

Buona e santa Pasqua di risurrezione a tutti voi!


per i testi della liturgia clicca qui

per la lectio divina clicca qui


immagine, fonte: www.maranatha.it


sabato 8 aprile 2017

DOMENICA DELLE PALME (Anno A)

Siamo arrivati alla tappa quaresimale: la Domenica delle Palme, chiamata anche "di passione". Questa è l'ultima Domenica prima di Pasqua.
Questa Celebrazione ricorda l'ingresso trionfale di Gesù a Gerusalemme, accolto dalla gente come un vero re (Gesù, del resto, è un discendente del re Davide) con la folla festante di bambini e di uomini umili (i suoi preferiti) che agita al cielo rami di palma gridando "hosanna, hosanna" (che significa "Deh! Salvaci"). Ma il regno di Gesù, non si trova sulla terra (Gv 18,36), "perché in questo mondo Egli è peregrinante" (Sant'Agostino). Purtroppo a questo Osanna seguirà un crocifiggilo. 
Grazie a Dio, la Domenica delle Palme, nel segno osannante troverà il suo culmine nel segno di quel Regno d'amore e di pace che Gesù realizzerà con la sua Pasqua.
Con questa celebrazione, la Chiesa da inizio alla settimana di Passione (con i suoi riti), la Settimana Santa, ed annuncia a tutto il mondo che il Regno di Dio è iniziato già qui, sulla terra, con la presenza di Gesù risorto.
Prepariamoci tutti all'ingresso di Gesù a Gerusalemme. Immaginiamo di essere lì in quel tempo per vivere quest'evento maestoso, per la nostra fede e la nostra vita.
Accogliamo nella nostra vita Gesù, il benedetto dal Signore e accompagniamolo in questi giorni di passione, non stendendo rami di ulivo o palme ma il nostro cuore sul suo.
La Vergine Maria, madre di Gesù e nostra, ci aiuti a vivere questo inizio della Settimana, con rispetto, umiltà, fedeltà al nostro "credo".

Buona Domenica e buon inizio della Settimana Santa!

per i testi della liturgia clicca qui
per la lectio divina clicca qui





Video a cura di Gaetano Lastilla
Immagine, fonte: http://www.informagiovaniagropoli.it/