domenica 31 gennaio 2010

Lunedì della IV settimana del Tempo Ordinario

Un caro saluto a te che leggi quanto scrivo!



Iniziamo un nuovo capitolo del vangelo di Marco e il tutto sembra un susseguirsi, da una riva all'altra. L'episodio di Gesù che la liturgia odierna ci presenta, sembra avere dell'incredibile. È narrato in modo concitato e descrive una scena con una tensione che raramente cogliamo negli avvenimenti nei quali è protagonista Gesù (vedi Mc 5,1-20).
Il tutto si svolge in territorio pagano e questo sta ad indicarci che nessuno è escluso dal messaggio di salvezza e dall'opera redentrice di Cristo. Qui Gesù incontra prima un uomo indemoniato. La sua possessione lo aveva relegato a vivere tra i sepolcri, in assoluto abbandono civile e morale. Gesù lo libera e gli restituisce una nuova dignità, una nuova possibilità di vita. Quel mondo è tutto "invasato" dal male: non si tratta, infatti, di un singolo demonio, ma di una "legione", un numero sterminato, che ha ridotto il malcapitato, che ne è posseduto, a vivere come un morto nei sepolcri. Segno concreto della terra pagana è quel numeroso branco di porci al pascolo sul monte (luogo riservato al culto e alla preghiera).
Il porco è animale immondo, aborrito dagli ebrei, e che può trovarsi solo in una terra immonda e pagana. Sono spiriti immondi e quindi l'abitare nei porci potrebbe essere loro di sollievo rispetto all'essere relegati nel loro inferno. La loro presenza è sempre e comunque devastante anche nei confronti di quegli animali, i quali, infatti, precipitano in mare.
La reazione scandalizzata dei suoi concittadini può essere spunto di riflessione per noi. Gesù, in questo episodio ha guardato all'essenziale ed al bene supremo che è la vita. Ha poi chiesto esplicitamente al miracolato di testimoniare agli altri l'amore e la misericordia di Dio.
Oggi dovremo saperci chiedere, se nella nostra esistenza vi è una Decapoli, dove abbiamo costruito idoli ai quali sacrificare la nostra vita. Gli idoli del denaro, della sete di potere e del successo possono indurci ad un'esistenza che ci pone lontano dagli altri per vivere tra i sepolcri, simbolo dell'aridità dei nostri cuori.
La domanda di fondo è: quale valore diamo alla vita, alle cose...?
Gesù ci insegna a saper riconoscere il vero valore in tutte le cose, per poter discernere serenamente quello di cui abbiamo veramente bisogno.
Preghiamo perché anche noi diventiamo testimoni sinceri dell'amore di Dio.

Nessun commento: