sabato 26 gennaio 2013

III DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO C)

Un caro saluto a te che leggi quanto scrivo!

Quando l'Evangelista Luca scrisse la sua opera, vangelo e atti degli apostoli, iniziò dicendo che volle fare un resoconto ordinato per Teofilo: per colui che ama Dio.
Oggi, in questa domenica, si ripetono queste parole. 
Il ripetersi, vuol significare che ancora oggi ci sta qualcuno che ama Dio. Ma da queste prime righe, siamo tutti invitati a renderci conto della "solidità degli insegnamenti ricevuti", a renderci conto se amiamo veramente Dio.
Da dove bisogna partire? La risposta la troviamo nella prima lettura dove si dice: "tutto il popolo tendeva l'orecchio al libro della legge"
Penso che non sia facile tendere l'orecchio alle parole del Signore, di conseguenza non è scontato che possano essere comprese. Ci vuole quell'attenzione che diede l'evangelista Luca, ci vuole amore, ci vuole passione per la Parola: bisogna essere amanti di Dio.
Mi capita spesso di vedere o sentire, che il nostro modo di pensare ed amare Dio dipende dal sacerdote. Niente di più errato. Dio ci ama singolarmente e Cristo Gesù ha dimostrato a tutti questa particolarità dell'amore di Dio per ciascuno di noi. Luca ama sottolineare questo particolare dicendo: "gli occhi di tutti erano fissi su di lui".
Cosa avrà mai detto Gesù per portare quest'attenzione dell'occhio e dell'orecchio su di lui? 
La pagina evangelica parla di liberazione. Tutti noi, per la nostra stessa dignità umana, desideriamo essere liberi, anche se le vicende della vita ci priva di libertà.
Gesù non fa altro che, riprendendo un passo profetico, ridarci questa libertà tanto desiderata.
Ciascuno di noi per vivere di questa libertà deve avere il punto di riferimento in qualcuno. 
L'evangelista Luca, questa domenica, ci dice che il nostro riferimento è Gesù, in quanto il cristiano ha davanti qualcuno a cui ispirarsi, da cui trarre esempio. Ebbene Luca ribadisce: fissa il tuo sguardo, tendi il tuo orecchio su Gesù!
Tutto questo fa parte del nostro desiderio fino a trasformarsi incontro dell'identità dell'uomo con l'identità di Dio.
C'è bisogno di ritornare ad essere credenti che ascoltano la Parola di Dio e la mettono in pratica. 
Tutto questo lo possiamo fare con Gesù!

Buona Domenica nel Signore a tutti voi!


per i testi della liturgia CLICCA QUI

per la lectio divina CLICCA QUI

  

Nessun commento: