sabato 8 febbraio 2014

V DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO A)

Un caro saluto a te che leggi quanto scrivo!



Dopo aver celebrato la Presentazione del Signore, ascoltiamo ciò che la carta di identità del cristiano: le beatitudini. Per motivi liturgici, non abbiamo ascoltato la pericope delle beatitudini.
Questa domenica inizia ciò che è "la messa in pratica" delle beatitudini. Termina l'essere cristiani in serie ed inizia l'essere cristiano sul serio.
Simbolo del nostro essere cristiano sono due elementi della nostra vita: sale e luce. Due elementi che elevano il ruolo del cristiano chiamato a diventare presenza essenziale all'interno della storia umana.
Il sale, sappiamo benissimo la sua funzione e quanto sia indispensabile. Il cristiano è colui che deve dare sapore alla vita. Il cristiano che prende coscienza di appartenere al Corpo di Cristo, deve manifestare questo sapore in una storia ferita.
Ad una condizione, che è propria del sale: scomparire. Se non si scioglie, non si amalgama con il cibo viene meno la sua funzione. Tutte quelle volte che pensiamo di essere stati qualcuno per quanto abbiamo operato, non siamo stati sale. "Essere cristiani non è un privilegio, annunciare il Vangelo con umiltà" (Papa Francesco).
Cristo venendo nel mondo si è presentato come luce. Questa domenica lo dice a tutti noi: voi siete la luce del mondo. Un forte invito a manifestare Cristo attraverso opere luminose.
La luce è tutto ciò che ci fa vedere la realtà per come si presenta. Senza la luce, tutto è confusione, oscurità, tenebra.
Forse è il caso di riprendere quella luce che ci è stata consegnata il giorno del battesimo e non lasciarla sotto il moggio.
Il vero cristiano è colui che risplende come luce (come diremo nel salmo responsoriale). E' colui che fa sul serio nella sua vita e non a passatempo.
Il cristiano che non dà sapore non serve a nulla e tantomeno ad illuminare. Il sale non esiste per sé, ma per dare sapore al cibo. La luce non esiste per sé, ma per illuminare il cammino. Noi, la nostra comunità, non esistiamo per noi stessi, ma per gli altri e per Dio. 
Gesù ha fiducia in noi, per questo ci ha reso sale e luce del mondo!
Allora, in questa domenica, approfittiamone per lasciarci ancora una volta inondare della luce che è Gesù per poi rifletterla negli altri, trasmettendo gioia e verità, trasmettendo il sapore di Dio.

Buona Domenica nel Signore a tutti voi!


per i testi della liturgia CLICCA QUI

per la lectio divina CLICCA QUI





Nessun commento: