sabato 25 marzo 2017

IV DOMENICA DI QUARESIMA - LAETARE (ANNO A)

Continua il nostro itinerario verso la Pasqua del Signore.
Questa domenica, IV di Quaresima, è la domenica laetare, della gioia così come ci indicano i testi della liturgia (possiamo aggiungere anche i colori, visto che è permesso di usare i paramenti rosacei).
Perché domenica della gioia? Perché oggi ricordiamo quella luce di Cristo che risplende nei nostri cuori rendendoci figli della Luce. Questo l'evangelista Giovanni vuol farci capire. Infatti, dopo aver descritto la persona di Gesù come l'acqua viva, la sorgente per la vita eterna, adesso lo presenta come luce del mondo.
Guardando nell'insieme, il racconto è un po' insolito (e forse no) per presentare Gesù luce nel contesto di un processo all'uomo. 
In questo racconto, l'uomo è un cieco che mendica. Gesù passa dalla sua vita, dalla sua sofferenza. Si avvicina!
L'avvicinarsi di Gesù cambia la vita all'uomo e la gente non lo riconosce più e lo conducono dai farisei. Qui inizia il processo all'uomo.
Quanti processi all'uomo ogni giorno della nostra vita?
Il cristiano è chiamato a rivedere la fede ricevuta nel Battesimo e renderla sempre più viva, trasmettendola agli altri.
Occorre allora fermarsi per riscoprire la propria fede. C'è un fermarsi per accogliere il passaggio di Dio. C'è un fermarsi per mettersi in ascolto. C'è un fermarsi per riconoscersi ciechi. C'è un fermarsi per capire in quale Dio crediamo. C'è un fermarsi per riconoscere chi è Dio nella nostra vita. Ma l'ostinazione è più forte e facilmente continuiamo a fare discorsi farisaici.
Dobbiamo lasciarci illuminare come il cieco nato per scorgere la bellezza della realtà salvata e rigenerata da Cristo e, guardandola col suo sguardo, rallegrarci ed esultare per la sua salvezza, e scoprirci luce nel Signore.
Questa salvezza è offerta a tutti. Tutti siamo chiamati ad aprire il cuore alla novità di Gesù per accogliere quella nuova identità, che in pratica è quella di Dio e del suo disegno di amore.

Buona Domenica nel Signore a tutti voi!

per i testi della liturgia clicca qui
per la lectio divina clicca qui





Video a cura di Gaetano Lastilla
Immagine: la domenica.it

Nessun commento: